I sessantacinquenni devono lasciare la direzione della farmacia Norma vessatoria che apre le porte alla illegalità

| Autore: | Commenti: 0

Da pochi giorni migliaia di farmacisti hanno ricevuto, dagli organi competenti, una lettera con la richiesta di indicare il nuovo direttore. Il comma 17, art. 11 della legge "Cresci Italia" e promulgato dal Presidente della Repubblica il 24 marzo 2012, impone, ai farmacisti titolari di farmacia che hanno raggiunto i 65 anni di età, di lasciare la direzione della farmacia e nominare un direttore entro 30 giorni dalla pubblicazione della norma.
Non entriamo nel merito, anche se definiamo questa norma vessatoria e probabilmente anticostituzionale, come segnalato nella nostra lettera inviata al Presidente della Repubblica in data 20 Marzo, invitando tuttavia coloro che sono interessati a fare ricorso attraverso i propri legali.
Evidenziamo invece la pericolosità di questa legge che in 30 giorni vorrebbe costringere i farmacisti a dover nominare un direttore, cosa impossibile per tutte quelle farmacie che sono classificate come ditte individuali, oltre il 70%, e che quindi devono trasformarsi urgentemente in società.
Riteniamo, quindi, sia impossibile trasformare una ditta individuale, con tutte le autorizzazioni richieste, in società in appena 30 giorni. Tale trasformazione è infatti tappa obbligata nel rispetto dell’art.11 della legge 362 del 1991, legge né abrogata né modificata, dove sono elencati i casi in cui il titolare di farmacia può legittimamente nominare il Direttore.

Prima criticità
La scelta di un socio deve essere ben ponderata e valutata, chi affiderebbe al primo venuto la direzione della propria azienda?

Seconda criticità
La situazione debitoria cui versano moltissime farmacie a causa dei continui ritardati pagamenti e la continua riduzione dei margini, potrebbe indurre alcuni finanziatori, banche, grossisti, o altri soggetti più o meno occulti, ad imporre dei soci di comodo che in breve tempo possono rilevare l'intera azienda.

Terza criticità, la più pericolosa perché occulta
Chi ha scritto questa norma si è lasciato guidare da logiche non certo chiare, che lasciano intendere un forte interesse a distruggere il sistema farmacia italiano e probabilmente rilevarlo a costo zero. Ciò non porta a nessun tipo di sviluppo o crescita per l'Italia!

Rimaniamo perplessi all'intervento del Partito Democratico che ha sollevato una forte difesa a questa norma, contro gli emendamenti presentati dal Senatore Luigi D'ambrosio Lettieri il quale ha avuto l'ardire di voler restituire quella legalità e costituzionalità che questa norma altera fortemente, tacciandolo di difendere una "Casta", quella dei farmacisti, oramai considerati da tutti i media "il male dell'Italia".
Forse quella parte del PD legata a un grandissimo gruppo Economico Commerciale ha un forte interesse a rilevare tutto il sistema farmacia a discapito della popolazione?
Altrettanto perplessi rimaniamo per le affermazioni del Presidente di Federfarma dr.ssa Racca che asserisce di non essere a conoscenza degli emendamenti presentati dal Senatore Lettieri.
Come mai un sindacato, troppo silente nonostante i devastanti interventi verso i suoi associati da parte di tutti i media e delle Istituzioni che dovrebbero invece tutelare il diritto alla salute come previsto dalla nostra ancora in vigore Costituzione, non era a conoscenza degli emendamenti regolarmente presentati e di cui si trova riscontro pubblicamente anche nel sito del Senato?
Troppi interrogativi che tutti dobbiamo porci par tutelare il diritto, uguale per tutti, della salute e non delle logiche dell'economia e del commercio.
Chi ha voluto questa norma spinge l'Italia nell'illegalità per puro interesse?

Scarica il Comunicato stampa
Il Presidente,
Ettore Lembo

Stampa:

Condividi:
Discussione aperta

Commenta la notizia:

Seguici su...
Anche le formiche si incazzano
Sponsor
Scrivi al MSFI
Primo Piano
Ultimi Commenti

Pietro ha scritto su
Sicuri in Farmacia

Pietro ha scritto su
Sicuri in Farmacia

Archivio articoli
Tutti gli articoli

Lavori in corso!

Saremo presto anche qui!

×

Iscriviti alla newsletter

Inserisci l'indirizzo email


×

Scrivi al movimento


×

Grazie

×

Informativa sui dati personali

×

Benvenuto, :

Gestisci il tuo utente




×

Login

Inserisci le credenziali di accesso


×

Registrazione

Benvenuto, da ora è un utente registrato al sito M.S.F.I. quindi può leggere molti più contenuti e può partecipare ad alcune discussioni. Ma prima si ricordi di visionare la sua mail per convalidare la registrazione.

×

Newsletter

×

Login

×