Iniziativa Popolare promossa dal Dott. Vittorio Contarina

| Autore: | Commenti: 0

Desideriamo dare spazio e supportare l’iniziativa Popolare (Petizione popolare e Petizione al Presidente del Consiglio dei Ministri) promossa dal Dott. Vittorio Contarina, consapevoli di come l’articolo 3 commi 8 e 9, del Decreto Legge varato nei giorni precedenti il Ferragosto 2011, metta a serio rischio la salute dei cittadini, che vedrebbero distruggere la Pianta organica delle farmacie. Unico sistema a garanzia dell’uniformità su tutto il territorio Italiano della distribuzione del farmaco e del SERVIZIO diretto al "paziente". Ci permettiamo di precisare ciò poichè di "pazienti", e non di"consumatori", si tratta, e i pazienti non possono essere considerati secondo le logiche del mercato. Gli Italiani hanno già dimostrato con i FATTI che non vogliono le liberalizzazioni dei farmaci e della farmacie, in più occasioni:

1-Numerosi sondaggi, nel corso degli ultimi anni, hanno posto la farmacia Italiana sul più alto gradino di gradimento dei servizi offerti al cittadino, con un indice riconosciuto di"Eccellenza" pari a oltre il 92%. 2-L’uniformità distributiva delle farmacie sul territorio (pianta organica), garantisce a TUTTI i cittadini Italiani la fruibilità dei farmaci, anche in situazioni di forte disagio economico. 3-Il farmaco è un bene di pubblica utilità e non di consumo.

A conferma di tutto ciò, e a dimostrazione che le demagogiche "liberalizzazioni" sostenute da forti organismi mediatici e da numerose associazioni che si definiscono "dei consumatori" sono un totale FALLIMENTO, esistono i numeri, che sono REALI:

1- Fatto 100 il mercato a volumi dei farmaci già liberalizzati, le farmacie detengono il 91,8% del mercato, contro il 4,7% delle parafarmacie ed il 3,5% della GDO (fonte: ANIFA-2011). 2- Fatto 100 il mercato a valori dei farmaci già liberalizzati, le farmacie detengono il 92,8% del mercato, contro il 4,5% delle parafarmacie ed il 2,7% della GDO (fonte: ANIFA-2011). 3- I risparmi proclamati a supporto delle liberalizzazioni, si sono rivelati un ulteriore fallimento, nonostante le asserzioni demagogiche di alcuni politici, media e associazioni di consumatori, poiché i prezzi dei farmaci ex factory (alla produzione) sono aumentati, dal 2006 ad oggi, con percentuali medie a 2 cifre e di gran lunga oltre l’inflazione. 4- Si è favorita sia l’importazione parallela, con diminuzione di garanzie per il cittadino, sia la contraffazione, con aggravi di spesa per il controllo e gravissimi danni per la salute pubblica. Fenomeno da cui, fino al 2005, l’Italia era stata immune.

Alla luce di tutto questo, supportando l’iniziativa del Dr. Contarina nell’attesa del testo definitivo approvato dal Parlamento e promulgato dal Presidente della Repubblica, ci rendiamo disponibili ad esser consultati dalle Istituzioni - Stato, Sindacato, Ordine - mettendo a loro disposizione studi e proposte. Siamo tuttavia pronti, nel caso in cui la minoranza demagogica e mediatica in barba alla volontà della maggioranza dei cittadini e dei "pazienti" dovesse prevalere, a utilizzare ogni forma legittima, legale, civile e di massa a garanzia del diritto alla salute, dovere dello Stato Italiano.

Ettore Lembo, Presidente del MSFI

Stampa:

Condividi:
Discussione aperta

Commenta la notizia:

Seguici su...
Anche le formiche si incazzano
Sponsor
Scrivi al MSFI
Primo Piano
Ultimi Commenti

Pietro ha scritto su
Sicuri in Farmacia

Pietro ha scritto su
Sicuri in Farmacia

Archivio articoli
Tutti gli articoli

Lavori in corso!

Saremo presto anche qui!

×

Iscriviti alla newsletter

Inserisci l'indirizzo email


×

Scrivi al movimento


×

Grazie

×

Informativa sui dati personali

×

Benvenuto, :

Gestisci il tuo utente




×

Login

Inserisci le credenziali di accesso


×

Registrazione

Benvenuto, da ora è un utente registrato al sito M.S.F.I. quindi può leggere molti più contenuti e può partecipare ad alcune discussioni. Ma prima si ricordi di visionare la sua mail per convalidare la registrazione.

×

Newsletter

×

Login

×