La lettera. "Ecco come è fallita la mia farmacia per colpa della Asl che non paga"

| Autore: | Commenti: 0

Un farmacista la cui farmacia è stata costretta alla chiusura per i troppi ritardi nei pagamenti della Asl Na/1 ci racconta la sua drammatica esperienza."Essendo una snc ci hanno pignorato tutto, auto, mobili e l'unica casa di famiglia di nostro possesso. Siamo tra i 'candidati' al suicidio!".

Spettabile Redazione,

Ho letto l' articolo dell'avvocato Federico Jorio postato sul vostro sito e colgo l'occasione per offrirvi il mio 'contributo'. Sono un farmacista napoletano, titolare (o meglio 'ex') di una farmacia con sede a Scampia-Secondigliano. La farmacia ricade nella zona di pertinenza della 'famigerata' Asl Na1, nota per i suoi costanti annosi ritardi nei pagamenti delle competenze alle farmacie.

Come il 90% (o più) delle farmacie napoletane, per far fronte ai pagamenti ai grossisti, abbiamo dovuto far ricorso alle 'anticipazioni distinte' con Credifarma. Gli interessi pagati a quest'ultima più gli interessi ai grossisti superano gli 800.000,00 euro negli ultimi 15 anni, a fronte di pochi spiccioli recuperati con atti ingiuntivi dalla Asl Na1.

Negli ultimi tempi, con oltre un anno di ritardo nei pagamenti, Credifarma non ci ha più anticipato notule e non abbiamo più potuto far fronte ai pagamenti.

Come sapete, i titolari di farmacia, grazie ad una scellerata legge, non possono attivare decreti ingiuntivi contro le Asl fino al 31.12.2012 e questo già dal 01.01.2011, due anni. Ma non c'è alcuna legge che lo impedisca ai fornitori o all'Equitalia! E i fornitori hanno preteso e ottenuto il pagamento di interessi ad un tasso (>11%) superiore all'utile medio della famacia!

Ebbene si! Ma non finisce qui. Sui soldi che la Regione Campania non versa ai farmacisti, e che impedisce possano essere pignorati, lo Stato pretende il pagamento delle tasse! Non potendo, chiaramente, pagare il fisco l'Equitalia aziona i pignoramenti nei confronti dei farmacisti con interessi e sanzioni pazzeschi!

Un anno e mezzo fa abbiamo dovuto licenziare i nostri 4 dipendenti e due mesi fa ci hanno dichiarati falliti per insolvenza ...ed i 'crediti' (tasse) 'vantati' dallo Stato (sanzioni ed interessi compresi) risultano essere crediti privilegiati da pagare ancor prima dei dipendenti. Grottesco eh?!?

Essendo una snc ci hanno pignorato tutto, auto, mobili e l'unica casa di famiglia di nostro possesso. Siamo tra i 'candidati' al suicidio!

Ecco come agisce lo stato italiano (volutamente minuscolo questa volta) tanto difeso dal 'presidente' Napolitano. Si commuovessero di meno lui e la Fornero, e scendessero dai loro scranni a vedere cosa succede quaggiù per colpa dei ladri che hanno lassù.

dott. Giorgio Basile Giannini

Fonte: Il Farmacista Online, 16 maggio 2012

Commento: nell'articolo è scritto che Credifarma ha bloccato le anticipazioni. Come è stato possibile? Lo ha fatto solo a chi ha scritto la lettera o a tutti i farmacisti clienti che avevano subito gli stessi ritardi nei pagamenti da parte del SSN?. Non è chiaro questo aspetto. Sarebbe opportuno chiarire le cose.

Stampa:

Condividi:
Discussione aperta

Commenta la notizia:

Seguici su...
Anche le formiche si incazzano
Sponsor
Scrivi al MSFI
Primo Piano
Ultimi Commenti

Pietro ha scritto su
Sicuri in Farmacia

Pietro ha scritto su
Sicuri in Farmacia

Archivio articoli
Tutti gli articoli

Lavori in corso!

Saremo presto anche qui!

×

Iscriviti alla newsletter

Inserisci l'indirizzo email


×

Scrivi al movimento


×

Grazie

×

Informativa sui dati personali

×

Benvenuto, :

Gestisci il tuo utente




×

Login

Inserisci le credenziali di accesso


×

Registrazione

Benvenuto, da ora è un utente registrato al sito M.S.F.I. quindi può leggere molti più contenuti e può partecipare ad alcune discussioni. Ma prima si ricordi di visionare la sua mail per convalidare la registrazione.

×

Newsletter

×

Login

×